Visita Saint-Denis, necropoli dei re di Francia e città-mondo
A Saint-Denis, sono state scritte alcune delle pagine più gloriose della storia di Francia e della monarchia francese. La Basilica Cattedrale di Saint-Denis – estrema dimora dei re di Francia – è il simbolo vivente di questa storia che risale al Medioevo e si proietta nel presente. Saint-Denis, grande centro industriale del 20° secolo, è oggi una dinamica città-mondo, in cui vivono uomini e donne provenienti da ogni angolo il pianeta.

01. Saint-Denis, città reale

La Basilica Cattedrale di Saint-Denis è un vero capolavoro architettonico, un autentico inno alla luce, considerato da molti un manifesto dell’arte gotica. Eretta sul luogo in cui fu sepolto San Dionigi, la Basilica fu scelta dai re di Francia come estrema dimora: oltre 70 figure giacenti e sepolcri monumentali di re e principi ne fanno oggi una vera necropoli reale. Un luogo da visitare assolutamente. Nel corso della visita, non perdere la cripta e la sua area archeologica, e ammira le vetrate policrome e la maestosa, immensa navata. Il sagrato della Basilica è un piacevolissimo luogo di sosta, con i suoi ristoranti e caffè. Dai tavolini all’aperto, potrai osservare i dettagli della splendida facciata recentemente restaurata della Basilica e il suo orologio dalle lancette dorate.

In giugno e luglio, nelle sere dedicate ai concerti del Festival di Saint-Denis, il sagrato è molto frequentato. Nella prestigiosa cornice della Basilica, i più grandi direttori d'orchestra interpretano le grandi opere del repertorio classico e creazioni contemporanee. In alcune occasioni, i concerti sono proiettati in diretta su grande schermo. In queste sere, potrai prendere posto sulle sdraio disposte sul sagrato.

02. A Saint-Denis, tesori di architettura e di archeologia

Il Museo d’Arte e di Storia, accolto nell’ex monastero carmelitano, propone varie sale dedicate all’archeologia medievale, con reperti provenienti dagli scavi e sculture romaniche rinvenute nei dintorni della Basilica.

Di grande interesse anche il ricco fondo dedicato alla Comune di Parigi e il dipartimento Paul Éluard.

Il museo possiede una magnifica farmacia e una splendida cappella ricostruita da Richard Mique, architetto di Maria Antonietta e primo architetto di Luigi XVI. Il chiostro e le celle del monastero ricordano la storia del luogo, situato a qualche centinaio di metri dalla Basilica.

Poco lontano, non perdere la visita al negozio/laboratorio Franciade. Decorato con tecniche sostenibili, propone pregevoli oggetti ispirati al patrimonio artistico di Saint-Denis e della regione a nord-est di Parigi, realizzati da artigiani e artisti del territorio: repliche di ceramiche medievali provenienti dagli scavi archeologici di Saint-Denis, bijoux, taccuini, tessuti originali con motivi di ispirazione storica...

03. Saint-Denis, città giovane e dinamica

Saint-Denis è l’erede di una grande tradizione commerciale: nel Medioevo, la locale fiera del Lendit attraeva infatti mercanti da ogni angolo dell’Europa. Città popolare, giovane e multi-etnica, Saint-Denis accoglie oggi uno dei più grandi mercati della regione. A due passi dalla Basilica, centinaia di commercianti propongono prodotti locali e specialità del mondo intero.

L’ufficio del turismo di Plaine Commune Grand Paris situato fra il sagrato della Basilica e il mercato di Saint-Denis  è aperto sette giorni su sette. Vi troverai tutte le informazioni utili per visitare la città e i dintorni, oltre a una biglietteria e a un negozio di prodotti locali.

L’ufficio del turismo potrà fornirti ottimi consigli su altre destinazioni da visitare nei dintorni.

A piedi, potrai raggiungere e visitare lo Stade de France seguendo il percorso costellato da paline informative. Immaginando le Olimpiadi del 2024, il cui cuore batterà qui, potrai passeggiare lungo il canale Saint-Denis trasformato in Street art avenue... E continuando a seguirne il percorso, incontrerai il Parc de la Villette.

Se preferisci, potrai prendere il tram e raggiungere in pochi minuti il 6B, importante spazio di aggregazione artistica che accoglie centinaia di atelier e propone mostre e performance.

Altra scelta possibile, ad appena una stazione della metro, la nuova sede degli Archivi nazionali, a Pierrefitte, che potrai visitare e di cui potrai ammirare l’audace architettura.

Sempre in metro, basteranno solo due stazioni per raggiungere il più grande mercato delle pulci di Parigi: le Puces di Saint-Ouen.